La situazione del Comune di Riomaggiore è ormai diventata insostenibile

Trasparenza e Partecipazione

La situazione del Comune di Riomaggiore è ormai diventata insostenibile.

Il Sindaco e la Giunta non sono in grado di superare l'attuale condizione di stallo e dopo un anno di gestione, in cui non sono riusciti a compiere alcun passo in avanti, sembrano semplicemente in attesa che qualcun altro  trovi le soluzioni ai tanti problemi del nostro Comune.

Nel frattempo sono ripresi i lavori della villa adiacente il Castello, la cui pratica risulta ancora sotto sequestro. La Sindaco Cantrigliani dichiara sulla stampa che farà chiarezza appena riceverà la documentazione dalla Procura, ma intanto ha prontamente concesso il suolo pubblico per permettere lo scarico del materiale senza aver fatto alcun tipo di controllo.
La Sindaco sembrava molto più informata dei fatti durante la campagna elettorale quando ne prometteva addirittura la demolizione.

A prescindere dal fatto che nel caso di specie si tratti di abuso o meno, non possiamo in alcun modo giustificare superficialità o distrazioni su questioni di tale rilevanza e, soprattutto, permettere che passi il pericoloso messaggio di Riomaggiore come un Comune completamente senza regole e controlli.

La Sindaco avrebbe dovuto sollecitare da tempo l’esito delle indagini sulle pratiche sequestrate, al fine di permettere agli interessati di definire le questioni sospese e di fare veramente chiarezza a favore di tutti i cittadini.

Ricordiamo che l'ufficio tecnico è chiuso da fine 2011, per di più la Sindaco ha rassegnato le dimissioni da Responsabile dell’Ufficio, creando così una definitiva paralisi.

Tuttavia, anche altre promesse sono rimaste tali. Siamo ancora nella condizione di doverci rivolgere al Prefetto per far pubblicare le determine e veder riconosciuti i diritti delle minoranze (clicca qui). Dobbiamo purtroppo rilevare l’assoluta assenza di dialogo e di confronto sulle decisioni assunte, con l’effetto negativo di alimentare conflitti inutili ed improduttivi. Una vera sconfitta per tutta la comunità.

La nostra interrogazione a risposta in aula relativa alla regolamentazione dell’accesso ai centri storici, in merito alla quale è stata presentata anche una petizione firmata da 130 persone, è ancora in attesa di essere discussa (clicca qui). Questo avverrà solo quando e se l’Assessore di riferimento, il Vicesindaco Palermo, deciderà di riprendere parte ai Consigli comunali, ai quali non si presenta da gennaio.

In tale interrogazione, tra le altre cose, avevamo richiesto chiarimenti su come il Comune intendesse gestire i parcheggi siti in località la Zorza a Riomaggiore e in loc. Posella a Manarola. Successivamente abbiamo appreso che, relativamente al primo, è in corso una disputa con la Provincia, proprietaria dell’area, a causa dell’assenza di un’apposita convenzione (clicca qui), mentre nel secondo, è stata installata una macchinetta che permette il pagamento solo a ore con notevoli difficoltà, anche pratiche, per chi intende sostare per più giorni.

Il Sindaco ha quindi autonomamente deciso di risolvere questo problema in modo “artigianale” ed ha appeso nottetempo un cartello scritto a mano (per giunta solo in italiano) che indica di rivolgersi all'Ostello di Manarola per il pagamento delle soste superiori ad un giorno (vedi foto clicca qui).

Questo in assenza di alcuna convenzione, delibera o qualsivoglia altro atto formale che autorizzi terzi ad incassare denaro comunale, che definisca il tipo di prestazione effettuata, il corrispettivo eventualmente richiesto e le tariffe applicate. Ci chiediamo quale forma di ricevuta sia stata rilasciata. Forse scritta a mano su un foglio bianco sullo stile del cartello?

Il Sindaco Cantrigliani non ha nemmeno considerato l’inopportunità di conferire questo tipo di servizio in esclusiva ad un solo operatore, il quale usufruirà inevitabilmente di pubblicità gratuita a discapito di tutti gli altri, tra l’altro, proprio l’unico operatore dal quale lo stesso Comune percepisce un affitto mensile.

Chiediamo al Sindaco, alla Giunta e a tutti i Consiglieri un maggior senso di responsabilità, di riflettere sul loro operato e di cambiare atteggiamento. Riteniamo sia diventato indispensabile per il bene comune unire gli sforzi di tutti ed impostare quel percorso di rinascita del nostro Comune, tanto auspicato, di cui ad un anno dalle elezioni abbiamo ormai perso ogni traccia.

AllegatoDimensione
Image icon foto parcheggio manarola.jpg74.37 KB