comunicato stampa Calzetta Pecunia 26.01.2012

Trasparenza e Partecipazione

“Il disfattismo di una povera minoranza ballerina che vaga famelica alla ricerca di una sua pietosa identità sono le dichiarazione apparse sul sito istituzionale del Comune di Riomaggiore in risposta alla denuncia dell’opposizione relativa alle spese per consulenze sostenute dal Comune.

Da quando la lista Per Riomaggiore ha vinto le elezioni ha oscurato il proprio sito www.perriomaggiore.com e quindi, in sostituzione, il sito ufficiale del Comune nella pagina “Blog dell’Amministrazione” viene usato per  rispondere alla minoranza e ai singoli cittadini che si permettono di dissentire, come fosse un bene di proprietà della maggioranza, invece è pagato da tutti!  

I consiglieri Calzetta e Pecunia sono esterrefatti di fronte a tanta arroganza e allo stile di questa “nuova” Amministrazione che risponde con gli insulti alle richieste di confronto politico.

Ma allo stesso tempo non ci stanno a sentirsi diffamati e denigrati e rispediscono le offese al mittente … Questa Amministrazione si presenta come nuova, ma puzza di vecchio e usa gli stessi metodi del passato, facendo passare il messaggio che la minoranza non serve più perché oggi il potere è finalmente in mano ai “giusti”.

Il nostro compito invece è proprio quello di informare, rispondere, coinvolgere i cittadini.

Il recente passato ci insegna che la legalità non è necessariamente garantita da chi ci comanda e che il ruolo dell’opposizione è fondamentale per la gestione della cosa pubblica.

Questa “povera” minoranza che l’Amministrazione definisce “ballerina”, “famelica”, “alla ricerca di una sua pietosa identità” cerca solo di fare chiarezza su come viene gestito il nostro Comune.

La reazione sconsiderata dell’Amministrazione ci fa capire che siamo nel giusto e non ci fermeremo!!!

Chi legge ha la possibilità di valutare in modo consapevole.

Ci rivolgiamo soprattutto ai nostri concittadini affinché lottino al nostro fianco per cambiare veramente le cose.

Non intendiamo ancora assecondare le decisioni sommarie di chi comanda solo perché si presenta impropriamente come paladino della giustizia. Per noi sono i fatti che contano. E i fatti dimostrano che il nostro Sindaco naviga a vista, non ha una linea politica chiara, non coinvolge opposizioni e cittadini e ha grosse difficoltà nel gestire anche l’ordinaria Amministrazione.

 

Invitiamo quindi tutti a prendere parte al prossimo Consiglio comunale

che si terrà il 31 gennaio alle 16.

 

Articoli correlati:

cittadellaspezia